.
Annunci online

 
Mora76 
Questa lettura è un caciucco di coglionerie - I. Montanelli
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  MORA'S VIDEO
MORA'S VIDEO II

.
QUESTA E' GENTE CHE SI DROGA
Ale
Asso
Chitteconosce
Anedd
Geppetta
Ross
Buona Giornata stocazzo
  cerca

FRASI CELEBRISSIME:

Sei una fucina di cazzate (jericho)
Ciao brutto (insanamente)
Che uomo inutile (corpolibero)
Uff, c'è Mora (yogurtalimone)
Devo conoscere quello sbiellato di Mora (pennyred)
Quel somaro di Mora (mia)
Sei un catrame (cuoredimenta)
Ha lo sguardo da psicopatico (lapegiulia)
Chi è Mora76? (corpolibero)
Sei una miniera di puttanate (cunctator)
Gatto Matto di un mona di Mora76 (vetro)
Tanto stronzo quanto intelligente (dilwica)
Giuro sul blog di Mora76 che ciò che dico è vero (scusiscende)













 

Diario | Moralendario | Notizie dell' ulti Mora |
 
Diario
1visite.

5 dicembre 2007

Conosco una matta da legare

Uh. Che nervi.
Uh. Che fastidio.
Uh. Sto per esplodere.

AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAH!

Ecco.
Sfogato.

Tipo.
C'hai l'abbonamento a GQ. Gentlemen's Quarterlzsg.
E' la rivista di chi è attento alle tendenze, di chi è al passo con i tempi, di chi vuol fare parte della casta sociale dei patacca.

Nella rivista si parla di tutto.
Moda. Cosa è In e cosa è OUT in questo momento.
Bellezza. Come scolpire il tuo fisico semplicemente scoreggiando.
Tempo Libero. Come fare a conquistare le veline.
Attualità. Il caso del mese analizzato e sviscerato nei dettagli.
Donne nude. Tette grosse, culi, patate al vento e fighe imperiali.

Il GQ io non lo leggo mai tutto, ma solo nelle cose che più mi interessano.
Anzi nella cosa che più mi interessa.
Chissà qual'è.
Boh?
Sht.

Bene.
Io ho l'abbonamento dal numero 2 perchè leggendo il numero 1 ho subito capito che quello era il giornale che faceva per me.
Infatti nel numero 1 c'era il calendario della Barale nuda. Ce l'ho ancora appeso.
A casa mia è ancora il 1998. Agosto.

Bene.
Questo mese il giornale non mi è arrivato puttanaladraschifosa.
Aspetto dico.
Il postino è in ritardo.
Aspetto.
Ma non arriva un cazzo.
Il numero di novembre non mi è mai arrivato.

Non posso perdermi le tendenze del momento!

Chiamo il numero dell'assistenza clienti.
Sarà un numero verde. Dico.
No. Non è un numero verde.
039838282

Ok.
Chiamo lo stesso.
Mi mettono in attesa. Intanto ascolto la voce registrata che mi dice che un'operatore mi risponderà subito e la musica di sottofondo.
E' una bella musica. E' Shine on you crazy diamond dei Pink Floyd.
L'attesa è talmente lunga che riesco ad ascoltarla tutta.
Shine on You crazy Diamond dura solo 22 minuti.

Finalmente risponde una tizia che mi dice in mezzo secondo che mi rinvieranno la copia.
Totale telefonata: 22 minuti e mezzo secondo pari a euro 7 e centesimi 35.
Una copia di GQ pocket costa euro 1 e centesimi 90.

Chi ha vinto?

28 agosto 2007

La (s)coppia

Ecco. Ti capita di andare alla festa di benvenuto di Alessia, la bimba appena nata di due cari amici. L'ambiente è festoso ma soprattutto familiare. C'è la porchetta, il prosciutto cotto nella brace, le verdure grigliate, l'aperòl, la birra, l'absolute e la gnocca.
C'è la musica, si gioca, si scherza, si ride, c'è l'udinese che pareggia al 92esimo contro quella squadra della minchia che nel campionato italiano di calcio schiera 11 stranieri.

Tutti contenti, sbronzi ma felici ed emozionati.

Vedi?
L'amore produce amore.
Credo che in una coppia, il collante e il segreto di per stare insieme felici il più possibile sia la comunicazione.
E loro, i miei cari amici, comunicano tanto.
Una comunicazione fatta di mille cose. Parole, gesti, comportamenti, rutti e bestemmie, buon senso e un pizzico di sopportazione.

Cosa ci vuole anche per me? Basta trovare la tizia giusta e il gioco è fatto. La comunicazione perfetta è una conseguenza.
Sarei felice per l'eternità.

Facile.
Facile un cazzo.

Comunicare è la cosa più difficile al mondo. Potete vederlo voi stessi osservando le coppie in certe situazioni.

Tipo.
La coppia al ristorante.
Li vedi da lontano, i due sfigati, in un tavolo all'angolo.
Si guardano in giro, hanno le mani incrociate, ogni tanto incrociano lo sgurado e abbozzano un sorriso di circostanza.
La caratteristica è che non parlano per tutta la cena. Cercano disperatamente un argomento da intavolare ma le uniche cose che dicono sono delle ovvietà racappriccianti:

hai visto che bei quadri hanno appeso ai muri? Hai visto che in questo ristorante ci sono addirittura le finestre?

oppure dopo che uno dei due è stato al bagno

Minzega. Qualcuno ha cagato fuori dalla turca e non ha pulito. Che inciviltà.

Ma se non parlano tra loro nemmeno in una cornice elegante come un ristorante cosa minchia stanno a fare insieme? Su cosa è basato il loro rapporto?
Che la felicità si trovi nella mutanda di lui?
Sintomo di un rapporto quasi alla fine.

Oppure la coppia che si sposta in auto.
Sono lì mummificati che guardano avanti senza trovare lo straccio di un argomento.
L'unico scambiodi battute è questo:

Va bene la musica? ti piace Vasco rossi?

F
ine. Silenzio.
Sono lì che si spremono in quattro per intavolare il discorso, ma la tensione produce solamente alito marcio.
Hai una reset per caso?
Che tristezza.
Sintomo di un rapporto stanco, molto stanco.

Poi ci sono le coppie che comunicano tra di loro.
Eccome se comunicano.
Ma in maniera sbagliata.
Insulti e ripicche a ripetizione.
Ogni occasione è buona per litigare. Sono lì che s'incazzano tra di loro per un nonnulla. Una virgola non messa in un sms, un ritardo di 5 minuti, le unghie dei piedi troppo lunghe.
E via a giustificarsi anche quando non serve.
E nel giustificarsi si peggiora ancor di più la situazione perchè in realtà non ci si voleva giustificare così. Volevi dire colà.
Sintomo di un rapporto inesistente. Si sta assieme solo per sfogarsi con violenza. In questo caso non serve un compagno, ma è sufficiente un punchingball. Almeno con il punchingball quando hai finito, ti sei sfogato e stai bene.

Alcune delle mie storie sono andate proprio così. E inesorabilmente finivano.
Storie fatte anche di frasi finte:

Mi fai sentire in paradiso, sto da dio con te, con te provo delle emozioni mai sentite che mi sembra di stare con i santi.

E allora perchè minchia mi avete mollato?
Ste stronze.

Una volta una tizia definì la nostra storia così.
Io starei bene con te anche in una vasca di merda.
Sarà un caso, ma quella storia non è finita.

Essere associato alla merda e non a Dio o ai santi mi ha dato grandissima fiducia per il mio futuro.

Come dicevano i miei genitori in chiaro dialetto trevigiano destra livenza:
Par rivar in alto, se gà de magnar anca la merda.

sfoglia
novembre        gennaio